Intervista a Matteo Procaccioli

Dopo il successo della mostra a Ca’ Zanardi e alla Venice Art House di Venezia del maggio 2015, il fotografo jesino Matteo Procaccioli racconta in esclusiva il suo lavoro e le sue opere. “…Nei suoi lavori l’uomo è fisicamente assente, presente soltanto attraverso la testimonianza del suo passaggio nei vuoti sconfinati dei paesaggi silenziosi che li contraddistinguono. Non vi sono narrazioni, trame da scoprire, solo atmosfere dalle quali essere avvolti, coinvolti per essere trascinati all’interno dell’immagine. Nelle sue opere il tempo è sospeso, le diverse situazioni spaziali sono volutamente irriconoscibili, prive di riferimenti a situazioni precise”…

(925)

Category: Arte