Nuovo approfondimento: L’elaborazione del lutto

La sofferenza in seguito alla perdita di una persona è direttamente proporzionale al legame affettivo; più la persona è cara, più il legame è forte e più la sofferenza è acuta. Il lutto è un processo che attraversa ogni età della vita, il lutto nasce da una perdita che compromette la stabilità della persona. Per riuscire ad elaborare un lutto è necessario mettere in atto dei meccanismi di difesa e dei processi di adattamento che sono stati suddivisi in cinque fasi: il rifiuto e l’isolamento, la collera, venire a patti, la depressione e infine l’accettazione.

In particolare si vuole trattare come supportare un bambino o un adolescente in lutto. Pochi eventi di vita hanno un impatto così forte sulle famiglie come la morte di un loro membro, soprattutto se improvvisa e inaspettata. Supportare un bambino che subìto una perdita può essere fonte di preoccupazione; tuttavia, esistono alcuni semplici accorgimenti che possono davvero fare la differenza durante l’elaborazione del lutto. Innanzitutto è necessaria una corretta informazione e comunicazione riguardo la notizia della perdita di un proprio caro, senza troppi sotterfugi e modifiche di dati importanti. Il bambino o l’adolescente deve vivere il proprio dolore come meglio crede, con lacrime o con sorrisi, con il silenzio o con le parole. Se non si lascia libero sfogo alle emozioni non si può far fronte all’acquisizione delle abilità necessarie per fronteggiare le situazioni complesse e dolorose sulle quali spesso ci si sente impotenti. I bambini e i ragazzi hanno ottime capacità di recupero, a patto che gli adulti forniscano loro i giusti strumenti.

Uno dei doveri fondamentali dei genitori è aiutare i propri figli ad avere una visione realistica dell’esistenza e insegnare loro che il dolore fa parte dell’equilibrio di emozioni che costituisce il patrimonio inestimabile di ogni persona. Inoltre bisogna sfatare il mito dell’angoscia del “per sempre” perché per continuare a vivere è d’obbligo uno spostamento degli investimenti dalla crisi all’elaborazione razionale. Cari genitori insegnate a bambini e ragazzi che il “salutarsi” è il gesto più semplice ed efficace per poter separarsi e accettare la perdita!

Alessandra Lamanna

Dr.ssa in Educazione Professionale

(14)

Nuovo approfondimento: L’elaborazione del lutto

Blog |