Sofia Rocks – Episodio 5 “Fuori sede”

Ep.5 di 5 – “Fuori sede” – La webseries che sonda il mondo della disabilità e dei giovani condotta dalla video-blogger Sofia Righetti. Coprodotta da Filandolarete e Agenda con la regia di Antonio Saracino.
Sofia è una giovane neolaureata in Scienze filosofiche, ma per cinque anni ha vissuto da fuori sede a Bologna. Il bilancio della sua esperienza è positivo, perciò Sofia questa volta decide di partire direttamente dai piani alti e andare negli uffici del Magnifico rettore Francesco Ubertini. Unibo mette infatti a disposizione dei suoi iscritti il “Servizio studenti con disabilità e DSA”, per affiancarli dal loro ingresso e durante tutto il percorso di studi.
Sofia però vuole confrontarsi con qualcun altro, per questo ci tiene a raccogliere l’esperienza di Camilla di Pace, ex studentessa dell’Università come lei. Camilla è cieca e durante il suo percorso accademico ha usufruito di questo sportello, che si rivela essere però qualcosa di più di un semplice servizio: un’occasione per conoscere e stringere nuove amicizie.
L’università infatti non è solo studio, ma è prima di tutto un’esperienza importante dal punto di vista umano. Studiare in una città da fuori sede significa viverla, perciò, se disabile, la tua disabilità diventa parte della città e la rende più ricca. Il locale Senza Nome di Bologna è un caso emblematico di questa contaminazione: gestito da persone sorde, si respira quell’atmosfera di accoglienza caratteristica dell’intera città. Sofia si incontra qui con il bolognese Danilo ‘Maso’ Masotti, l’inventore degli umarells.
Mentre bevono insieme un bicchiere di vino, Sofia propone a Maso di aggregarsi per una cena a casa di alcuni amici che la stanno aspettando. Lorenzo, Anna, Rebecca e Sofia si scambiano i racconti delle loro esperienze di vita, momenti che sembra difficile far rivivere anche alla fine del percorso universitario.
C’è un luogo a Bologna, gestito da ragazzi e studenti e vissuto in modo solidale da tutto il quartiere, dove la condivisione e lo scambio sono alla base di ogni attività: è il centro occupato Làbas. Tra le tante persone che lo frequentano c’è anche lo scrittore e filosofo Franco ‘Bifo’ Berardi, leader del movimento del ‘77 bolognese. Sofia gli dà appuntamento qui per mettere un punto finale a questo lungo viaggio.

(1717)